Posts contrassegnato dai tag ‘francia’

Amour di Michael Haneke

Pubblicato: 19 novembre 2012 in 8/10, cinema, dramma, film
Tag:, , , ,

Nel rito religioso ci si promette di amarsi “amour di Hanekein salute e in malattia”. In quello civile ci si obbliga all’assistenza morale e materiale.

Ma effettivamente che cosa significa tutto ciò? Haneke prova a spiegarcelo a modo suo.

Una serie di quadri cinematografici, a camera fissa, provano a rispondere a questa domanda, illustrando il quotidiano di un’anziana coppia di coniugi, nella buona e nella cattiva sorte.

Lo sguardo del regista è asettico, quasi come se voglia lasciar parlare gli occhi, le parole e i gesti degli attori, due (anzi tre) mostri di bravura, che definiscono che cosa voglia dire “recitare”.

Da vedere, ricordando che il film è essenzialmente francese e che con Haneke non si può mai stare tranquilli.

Voto complessivo 8/10

Annunci

Quasi amici

Pubblicato: 2 maggio 2012 in 8/10, commedia, film
Tag:, , ,

Image

Film francese uscito in Italia in sordina, ma che ha avuto subito un successo di pubblico straordinario, grazie al sempre sottovalutato merito del passaparola.

Il film è incentrato sullo strano rapporto che si instaura tra due mondi estremi: l’invalido ricco e l’esagitato povero di periferia; il rapporto nasce grazie alla volontà del primo, che probabilmente vede nel secondo (e all’inizio le vede solo lui) delle qualità di cui ha bisogno.

Il film è molto gradevole e riesce a strappare diverse risate, tuttavia non griderei al capolavoro. La regia  è un po’ lenta e con poco ritmo (anche per un film francese). La sceneggiatura non è perfetta, lasciando alcuni punti un po’ in sospeso. La musica sembra presa da un greatest hits di musica classica e da un altro di musica leggera, dimostrando poco coraggio e poca coerenza con quelli che dovrebbero essere i gusti musicali del protagonista ricco, per il quale avrei visto più adatto Berg che Mozart, e del protagonista povero, cui avrei fatto ascoltare un po’ di rap francese (sì, lo so, forse si rischiava di cadere nello stereotipo) invece dei Kool & the Gang.

A parte qualche sbavatura, però, il film va sicuramente visto per il modo forte e scanzonato con cui affronta una tematica delicata, senza morbosità, virando immediatamente sull’analisi del rapporto umano e dei sentimenti. Con qualche sboccatura sdrammarizzante.

Voto complessivo 8/10