Cosa tiene accese le stelle

Pubblicato: 18 settembre 2011 in 6/10, italia, saggio

di Mario Calabresi

Fermo restando che il modo in cui l’autore scrive gli consentirebbe di rendere interessante e piacevole da leggere anche un elenco del telefono, questo libro non raggiunge lo scopo che (probabilmente) si prefissa. L’autore ci vuole far capire che in fondo non è vero che si stava meglio quando si stava peggio (proprio perché si stava peggio) e che un po’ di sano ottimismo ci dovrebbe far sperare in quello che potremmo chiamare “the italian dream” (l’uso dell’inglese non è casuale). Peccato che per dimostrarlo intervisti ricercatori che sono andati all’estero (o che sognano Marte) o petrolieri super ricchi o attrici la cui sagace ironia da decenni mette in discussione questo paese e le usanze strane del suo popolo.
Insomma, nonostante le buone intenzioni, questo libro ci lascia con un po’ di amaro in bocca, facendoci capire che, forse, per realizzare il sogno italiano, conviene ancora attaccarsi a quello americano.

voto complessivo 6/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...