La strada dritta. Il romanzo dell’autostrada del Sole

Pubblicato: 31 agosto 2011 in 7/10, anni 50, anni cinquanta, autostrada, cinquanta, recensione, romanzo

di Francesco Pinto.

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Il fulcro del romanzo è la costruzione dell’Autostrada del Sole. Può sembrare banale come spunto, ma l’autore lo rende quasi un’epopea, un’esaltazione del genio italico, una celebrazione di pochi visionari ingegneri e lavoratori che sfidano l’ottusità dei burocrati statali e costruiscono la più lunga autostrada d’Europa, con lo scopo utopistico di unire l’Italia con l’asfalto. Suona tutto un po’ esagerato? Sì, forse sì, anche se un’autostrada così lunga costruita in pochissimi anni resta per il nostro Paese un traguardo incredibile e ineguagliato.
I personaggi di fantasia aggiunti al racconto dei fatti storici aggiungono quel po’ di sentimento che renderebbe altrimenti il romanzo un unico elenco di statistiche di chilometri costruiti al giorno. Le storie sono forse un po’ troppo melodrammatiche, piene di dramma e di speranza, da veri anni cinquanta, gli anni in cui è ambientato in gran parte il romanzo.
In somma un buon libro, scorrevole che si legge tutto d’un fiato, senza diventare capolavoro.
voto complessivo 7/10
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...